14/10/09

GOD SAVE DEKARO - 1

Carissimi amici rieccomi! Su richiesta di Piergiorgio inizia oggi la rubrica GOD SAVE DEKARO in cui io saro' il vostro corrispondente dal Regno Unito. Ci siamo lasciati che ogni volta che beccavo un internet non sapevo da dove cominciare tante erano le cose da narrarvi e rieccomi che non so davvero che cavolo scrivere visto che NON ci sono leoni per le strade ne' banditi all'assalto. Non c'e' un cacchio. D'altrocanto, come si suol dire: quando il gioco si fa duro i duri iniziano a scrivere. Si potrebbe al massimo cercare di avviare uno scambio culturale, stando magari attenti a non cadere nelle solite dicotomie sul genere grande citta'/piccola citta' o nord/sud ma semplicemente quella alto/basso visto che voi siete comunque un po' sfigati in confronto a me, e sarebbe inutile negarlo. E no. Comprendere i propri limiti: questo deve essere il vostro obiettivo e attraverso questa rubrica potrete riuscirci.
Stronzate a parte davvero non so che raccontarvi tantopiu' che ormai mi sono rimesso pure a lavorare e quindi le giornate sono la solita monotona routine piccolo borghese e oltretutto non posso nemmeno parlare piu' di tanto della mia fatica come tester di videogiochi per motivi di privacy. Il lavoro non e' a Londra, bensi' a Windsor, dove c'e' il castello, e di conseguenza ho preso stanza in una cittadina li' vicino che si chiama Slough e cosi' vado a lavoro in bicicletta. Comunque non e' poi diverso che stare in zona 4 o 5 a Londra perche' ci sono continuamente treni che portano al centro di Londra in una ventuna di minuti.
Ora direte voi: "ae nun stai mank a Londr... e ke cazz e corrispundent si' allor..." ecco io vorrei allora cominciare da qui, cioe' cercare di farvi capire che per potersi avvicinare alla cultura anglosassone bisogna prima di tutto purificarsi da tutta questa grezzaggine insita istintivamente nei vostri pensieri, tentare cioe' un cambiamento culturale, psicologico e oserei dire persino ontologico per captare l'english way of life. Qui nessuno direbbe o nemmeno penserebbe frasi grezze tipo quella sopra, qui e' tutto un "sorry" "please" "good morning sir" gente raffinata, gentleman con la tuba, nobildonne con cagnolini pettinati all'ultima moda, e soprattutto a Windsor, nel castello, ci devo ancora andare, e' grandissimo, e in effetti la mia intenzione ormai e' proprio quella di "intrufolarmi" negli ambientini giusti, sai le giuste conoscenze... sposare una bella contessa e vivere felice e contento. Vi terro' aggiornati.

Dal vostro corrispondente da Londra: Demetrio Dekarovic





Vi metto una foto scattata qualche giorno fa a soho, l'ho fatta col cellulare e quindi la qualita' e' bassissima, pero' volevo appunto farvi vedere uno di quei gentlman con cane di cui parlavo sopra. Semmai nei prossimi giorni me ne vado un po' in giro a scattare con la macchina buona e poi ve le metto. Per ora accontentavi delle ultime che ho scattato qui, in occasione del carnevale di Notting Hill, ad agosto: Carnevale Notting Hill

Ah, e un video d'obbligo:




DIO SALVI DEKARO.
clicca qui per un post a sorpresa!

1 commento:

isabella ha detto...

allora Windsor esiste veramente!;-)