04/01/10

capodanno da new york a bn

Una Americana a Benevento: Capodanno
per me, capodanno non e' stato mai niente di speciale. forse l'idea di Cambiamento --sia metaforico sia reale -- mi dovrebbe interessare. ma capodanno sembrava sempre un po' troppo forzato, un po' strafatto. ci sono i soliti proponimenti che verranno conseguentemente abbandonati, lo stress dello shopping, del trovare qualcuno da baciare a mezzanotte (una tradizione americana).
nei primi dicembre, mi sono resa conto che ho fatto un biglietto di ritorno dopo natale in Italia che sarebbe partito il 30 da new york, e sarebbe arrivato il 31. Capodanno beneventano!
"avresti potuto stare in Times Square per capodanno e hai scelto invece di tornare a benevento?" mi guardavano come se fossi matta. "che culooo." appunto, ma alla fine era la scelta giusta, perche', anche se e' un po' "cliche," chi si diverte a capodanno e' la persona che sta in buona compagnia, chi mangia buon cibo e beve... molto. qua avevo tutte e tre.
appena tornata a benevento, new york city mi sembrava una memoria gia' distante -- i grattacieli, la metro, il vento di -10 gradi. era come se non fossi andata via proprio. immagino che questa sia una sensazione normale per una che praticamente vive due vite paralelle.
senza fermarmi dopo il viaggio, sono scesa per i vicoli di bn, dove mi aspettavano mille sorridi e mille auguri. bisognava un cafe', anzi due. quasi in stato di comatoso, io saltavo a ogni fumogeno che i ragazzini hanno lanciato. (devo dire, far esplodere fuochi artificiali e bombe di fumo non e' una tradizione normale capodanno americano)
sono andata dagli amici per la cena, oppure cenone -- tanti cibi e bottiglie di vino senza fine. mille brindisi -- per ogni piccola cosa. "alla americana!" brindisi! "alla mamma chi ha fatto tutto questo cibo!" "a francesca che accende una cigaretta!" brindisi! alcune persone mancano questa tendenza per la gioia senza causa. non capiscono che gli amici, la cena, la vita, bastono per festiggiare. si puo brindare senza un grand che. questo capiamo noi.
clicca qui per un post a sorpresa!

2 commenti:

Lorenzo ha detto...

Wellcome A.M.O.! Vogliamo sapere tutte le impressioni di una newyorchese in Benevento. Un po' come quando Sting ha scritto "Englishman in New York". A proposito: avresti potuto stare in Times Square per capodanno e hai scelto invece di tornare a benevento? :)

isabella ha detto...

E questo è rivelarsi veramente alternativi. Brava AMO, benvenuta!