04/02/10

Nel beneventano si ammazzano il sabato...

L'occasione era di quelle succose...Gigi si era appena laureato in Scienze della Comunicazione, dopo otto anni di grossa fatica, sali e scendi in Marozzi, case in fitto tra Prenestina e Casilina, concerti dal Villaggio Globale al Tendastrisce, feste universitarie ed occupazioni poco convincenti.
Gigi si era laureato ed era lì, con i suoi amici fuorisede, a stappare una bottiglia di Mbriachetto dinanzi la saletta delle lauree...
A San Donato era un gelido pomeriggio di metà settimana: Giuliano se ne stava accovacciato al bar della Funtana Murata a combattere con le limoncelle di Zio Alduccio e la ricerca di campo per fare gli auguri personalizzati a Gigi...ma quelle tacchette di mmerda proprio non ne volevano sapere di impadronirsi del suo vecchio Nokia. Dopo tanto penare ecco la linea..magicamente...
L'occasione era di quelle succose dicevamo...
Nessuno dei ragazzi di San Donato era stato presente alla proclamazione del loro amico in quel di Roma: troppo difficile prendersi un giorno di festa per una laurea nella Capitale in redazione, in una marmeria, in sartoria, nella ditta delle pale eoliche...quelli del bar misero da subito le cose in chiaro: "No wagliò! O si sale tutti o niente da fare...aspettiamo Gigi che sabato scende a San Donato!"
Ma Gigi di tornare a San Donato prima della settimana prossima proprio non voleva saperne...
L'organizzazione per la trasferta fu veloce, senza tessera del tifoso e senza biglietti, in barba alle norme antiviolenza del decreto Maroni:
Quattordici partecipanti alla gita, due "Pande" ed una Clio pronte per planare dalla Provinciale Sannita fino ai laghetti di Tor Cervara...sei o sette sacchi a pelo, qualche chiamata ad altri amici in comune con casa nella Capitale...e si va...il sabato da Gigi a festeggiare la sua laurea.
Ora...tutti sanno che quando parte una delegazione per una festa a Roma l'umore è quello dei giorni migliori.
Giuliano staccò in redazione il venerdì sera con la promessa del Direttore che, almeno per questo weekend, nessuna pantera nera, nessun ladruncolo a zonzo per la provincia e nessuna inaugurazione di qualche minchiata in città, potevano interessare il nostro reporter di provincia.
L'arrivo a Roma era previsto per le 14, ma gli occupanti della Clio erano in forte ritardo all'appuntamento per la partenza: si narra che venerdì sera, hanno chiuso sia il Bar della Croce, sia quello della Funtana Murata, il pub, la pizzeria e pure la tabaccheria di zia Pasqualina che tiene le Peroni abbozzate nel frigorifero di casa e le vende a 50 centesimi!
I quattro arrivarono soprendentemente in forma con gli occhiali da sole in una mattina dove il sole bisognava inventarselo...
Durante il viaggio fu preso di mira l'autogrill "La Macchia", nei pressi di Frosinone e della nuova ed inutile uscita di Ferentino: la pioggia veniva giù senza tregua...tra i quattordici balordi vinse nettamente il menù di Spizzico con la sua abominevole pizza al formaggio industriale, rispetto alle rustichelle di Autogrill. La verità è che la cassiera di Spizzico aveva un bel culo mentre quella dei panini era un roito spaventoso e, tra almeno sette dei quattordici, questo era un elemento da tenere in grossa considerazione!
Arrivati a destinazione c'era Gigi ad aspettarci davanti la fermata della Metro B di Castro Pretorio: aveva la barba lunga ed una faccia di chi non dormiva da giorni.
"wAGLIòòòòò, finalmente...cazzo quanti sieteeee!"
Baci, abbracci, prime birre e stupefacenze prima di vestirci di camicie e revolver per ammazzare il sabato.
Dopo tanto blaterare la scelta cadde su una nota osteria di San Lorenzo....non faccio nomi perchè mi stà sul culo fare pubblicità ai locali....
Il locale si chiama "La Pantera Rosa" e stà a pochi passi dal piazzale del Verano dove c'è la tomba del grande Rino Gaetano.
Ora...lo so lo so...qualcuno di voi, cari lettori, è stato a Parigi e starà pensando: "Ma guarda a questi...io ho visto la tomba di Jim Morrison..."
Bello, bravi tutti...però a San Donato guai a chi tocca Rino Gaetano!

Il proprietario del locale ci vide entrare numerosi e rumorosi ed ebbe un piccolo sussulto...poi si tranquillizzò alla vista di Gigi salutandolo calorosamente.
Il tavolo era di quelli grandi, in fondo al locale.
Giuliano prese posto tra Alessandro e Gigi: si era seduti in venti, precisi, precisi...quelle amiche del laureato non sapevano a cosa stavano andando incontro...

Ore 1.45
Il locale è praticamente vuoto...il Tavolo dei Venti è al terzo giro di ammazzacaffè.Uno dei proprietari si è seduto e grida più di Noialtri...la ragazza che ha servito il tavolo s'è presa sei o sette cori di approvazione e quaranta euro di mancia. Era quasi commossa. Ha promesso di venire quest'estate a San Donato, con i suoi amici. I 40 euro però gli amici non li avranno...questo è chiaro.
Il proprietario fa una foto di gruppo come i vip e la appende al muro. Giuliano prova a mantenere un contegno, ma ogni qual volta che lo pensa, si blocca e grida più di prima. All'uscita del locale baci e abbracci e pacche sulle spalle al proprietario che ha incassato un guadagno niente male.

ore 4.30
Terminare la serata nella piazzetta di San Lorenzo, a cantare le canzoni di San Donato miste a quelle di Rino Gaetano sotto la pioggia con i venditori di collanine, spillette e aggeggi luminosi e volanti, con le birre dell'unico baretto ancora aperto...non ha prezzo...
tanti auguri Gigi!

on air: Mentre la notte scendeva stellata stelllllataaaaaa! Lei affusolata nel buio dormiva incantataaaaa! (Rino Gaetano - I Sei Ottavi)
clicca qui per un post a sorpresa!

11 commenti:

Lala ha detto...

Grande Gae!

Lorenzo ha detto...

meraviglia...

Eduardo De Cunto ha detto...

abbene.ma io ti sposo proprio!

dov'è che vendono la peroni a 50 cent??! ma da 66cc?

Claudia ha detto...

grande!!! te l'ho già detto ke è la mia rubrica preferita vero? de cunto girano strane storie su d lei nei corridoi di beneventanamanera...

Claudia ha detto...

x essere più precisa su di lei e i suoi cunti

mari ha detto...

Fantastico Gae! ;)

mari ha detto...

Fantastico Gae! ;)

Eduardo De Cunto ha detto...

strane storie? che storie?

Eduardo De Cunto ha detto...

comnque aspetto ancora la risposta più importante...ma da 66 cc a 66 cent?

Gae ha detto...

Grazie amici!
Giuliano ringrazia...

Edo...zia Pasqualina ha la Peroni a 50 cent...se è andata al supermercato ha quelle grosse...sennò sono quelle piccole che hanno ancora il marchio dei Mondiali di calcio 2006 Forza Azzurri.

Il prezzo non cambia...

isabella ha detto...

esatto.Ferentino: questo sconosciuto!