02/05/10

God Save Dekaro - 12

Ciao a tutti!! Iniziamo subito con la notizia clou ovvero il fatto che nel frattempo c'e' stato nientepocodimenoche' il compleanno della nostra amata regina! Festeggiato come al solito nel castello di Windsor, io sono passato a farle gli auguri durante la pausa lavoro, le ho detto reegiiiiii' ka te puozzn abbndice! Kumm staje?? Lei e' stata contenta di vedermi Oh mister Dekaro I'm so glad to see you here ha detto con quel suo accento aristocratico. Le volevo dare qualche scappellotto amichevole sulla testa ma non volevo rovinargli quel bizzarro cappellino che portava, fra l'altro si sarebbe arrabbiata, vedete, dovete sapere che la regina e' tranquillissima su tutto, una persona amabilissima ma riguardo ai suoi cappelli e' molto molto permalosa... guai a toccarglieli, piu' sono assurdi piu' va in escandescenza quando, giusto per scherzare, gli si danno dei cuppini sopra.
Nel frattempo, ad Hyde Park, a mezzogiorno in punto sono stati sparati 41 colpi per celebrare l'evento.
E voi direte e perche' solo 41? Eh, perche' se sparavano un colpo per ogni anno che ha, andavano in bancarotta, finivano le munizioni dell'intero esercito britannico! Bin Laden se ne veniva a fare shopping per Oxford street, pure San Marino ci invadeva se sparavano anche solo la meta' degli anni di quella simpatica babbiona.
Un paio di giorni dopo, sempre nel castello di Windsor, c'e' stato un piccolo incidente che ha turbato la placida vita di corte. Il principino Filippo, duca di Edimbugo, anche lui un giovanotto nel fiore dell'eta', 89 anni, stava cazzeggiando in carrozza nel parco del castello. A un certo punto non si e' capito perche' i pony hanno dato di matto e si sono messi a correre all'impazzata fino a raggiungere un crudele albero insurrezionalista e bababaaammmmm tronco in pieno, ma comunque niente di grave, il povero duca se l'e' cavata con qualche giorno di ospedale.
Poi, restiamo sempre negli ambienti un po' chic, un pomeriggio l'azienda invece di farci lavorare ci ha portato a giocare ai cavalli ad Ascot, uno fra gli ippodromi piu' rinomati e distinti del Regno Unito. Perche'? Boh. E' stata secondo me una pensata creativa, siccome ormai e' sempre piu' difficile arrivare a fine mese ma di darci un aumento non vogliono saperne ci hanno detto ragazzi eccovi il biglietto d'entrata, 12 pound di vouchers per scommettere e ora fatevi i soldi e non rompeteci le scatole.
Io quella mattina (che era ancora lavorativa) l'ho passata a studiarmi i cavalli e avevo anche inviato ai colleghi un'email con il link a un sito dove spiegavano le caratteristiche di tutti i cavalli e varie informazioni utili ma e' stata accolta come una insensatezza.
Arrivati li' ho tirato fuori il mio foglietto di appunti e ho iniziato ad azzeccare un vincente dopo un altro, ne ho preso pure uno che era quotato 1 a 20! I colleghi erano stupefatti, dicevano ma come fai come fai? Eh come faccio... quando prima vi dicevo studiate, studiate ridevate e preferivate starvene a giocare ai videogiochi... Gente frivola. Comunque un culo cosi' ai cavalli non l'ho mai avuto in tutta la mia vita, qui a Londra un paio di volte sono andato addirittura a giocare ai cani. In circa 20 corse non ho preso nemmeno un cane piazzato! Pero' c'e' anche da dire che coi cavalli mi sono fatto le ossa per un paio d'anni nella mitica agenzia ippica che si trovava dove ora c'e' il bar Capriccio, ma a raccontarvi gli episodi capitati in quel posto assurdo ci vorrebbe un blog intero.
Unico rammarico: anche questo poteva essere un tradizionale evento britannico da farci un piccolo reportage ma nel semi-coma mattutino mi sono si' ricordato di prendere una borsa per metterci la macchina dentro ma ho poi dimenticato di ficcarcela! Quando me ne sono accorto ho avuto un attimo di preoccupazione prima di rammentare che fin dall'uscita di casa la borsa era troppo leggera per contenere alcunche'.
Comunque, con le scommesse ai cavalli, come diceva Piergiorgio in un commento [...cmq, la tua deriva bukowskiana si completa con il vizio delle scommesse. E sei ancora sotto di due terzi. il tuo ottimismo berlusconiano non ti salverà!!!...] la mia deriva bukowskiana e' davvero completata. Pero'... ho davvero recuperato tutti i soldi... eheh e ora si passa all'attivo! Il folle ottimismo berlusconiano non sempre e' dannoso.

Invece vi metto le foto di un evento internazionale, il 1 maggio, quando tutti i lavoratori del mondo scendono per le strade si lamentano protestano giurano vendetta e guerra per poi tornare all'ovile il giorno dopo. Unica consolazione almeno qui in Inghilterra nell'ovile non ci torniamo domani (lunedi') ma dopodomani. Eheh perche' a differenza vostra quando capita un sabato o una domenica il giorno di vacanza scifta al lunedi' seguente e non lo prendiamo dietro una volta ogni 3 anni e mezzo (il calcolo si fa facile).
Sono andato prima a Trafalgar square dove in linea di massima si riuniscono i sindacati e varie organizzazioni comuniste. C'era un tempo strano con nuvoloni neri da un lato e sole dall'altro ed era presente poca gente rispetto ad altri anni. Dopo un'oretta me ne sono sceso giu' fino al parlamento dove invece c'erano gli anarchici, gli squatter e simili quindi un ambiente molto piu' piacevole con tanto di bella musica e picnic sul prato. Non ci sono stati scontri, proprio quando la tensione iniziava un po' a salire per il fatto che ci eravamo messi in mezzo alla strada per bloccare il traffico e gli sbirri dicevano di spostarci, e' arrivato un acquazzone esagerato che ci ha dispersi tutti. E vabe', “la rivoluzione e' rimandata per cattivo tempo” (pare che un manifesto con questa scritta apparve a Napoli durante i moti rivoluzionari di inizio '800). Comunque (e spero che non sia ottimismo berlusconiano) non credo che l'esiguo numero di persone che hanno partecipato a questo evento sia da prendere negativamente ma al contrario puo' essere dovuto al fatto che la gente si e' un po' rotta le scatole di seguire queste proteste istituzionalizzate. Magari e' la quiete prima della tempesta. Diciamoci la verita' una volta per tutte: queste manifestazioni non servono a quasi nulla, dopo anni e anni possiamo tirare la conclusione. Non e' cosi' che bisogna portare avanti la lotta. Sono inutili come l'andare a votare. Sempre meglio farle che non farle, per carita', ma la protesta non puo' essere limitata a qualche giorno specifico e programmato dell'anno. Deve essere perenne, quotidiana e imprevedibile, e comunque sia, volendolo o no, molto presto anche i meno disposti saranno costretti a unirsi alla lotta perche' la follia del nostro sistema si e' inflazionata e tutti i nodi stanno venendo al pettine. La Grecia e' vicina, per voi un po' di piu' ma anche da qui non dista molto. Teniamoci pronti, sia per liberarci dalla finanza internazionale che ci ha praticamente schiavizzati, sia per salvare il nostro povero pianeta.




A Trafalgar square, si issano i primi stendardi (cliccate sulle foto se volete vederle un po' piu' grandi).



Trafalgar square



La National Gallery, sempre a Trafalgar Square



Un double-decker bus invita a non votare.



E qui invece siamo al Parlamento



Un elicottero della polizia svolazza intorno il Big Bang. Se non ricordo male erano le 4 quando ho scattato questa foto.



Statua e Big Bang



Tre saggi ragazzi propongono di non sbagliare "mira" alle prossime elezioni.



Un po' di tensione



L'acquazzone finale.


Rispondo ai commenti: Ciao Vincenzo! Si', actually De Onanaro il barbaro!
Ciao Piergiorgio! Guarda che non ho messo nessun messaggio! E' quella cavolo di signorina vocale che si vuole intromettere sempre.




Last night while you were lying in my arms
And I was wondering where you were
You know you looked just like a baby
Fast asleep in this dangerous world
Every star was shining brightly
Just like a million years before
And we were feeling very small
Underneath the universe...
L'audio di questo articolo e' stato realizzato da Read Speaker... consentitemi una piccola polemica. Sono venuta a sapere che il dekaro mi costringe a pronunciare frasi palesemente maschiliste e misogene. Per quanto, essendo donna, non disdegno certo la banana, preferirei essere io a decidere quando e se dire certe cose. Inoltre non ha ancora pagato la somma pattuita per la mia prestazione. Propongo a tutte le utenti di sesso femminile il boicottaggio immediato della rubrica god save dekaro fino alle pubbliche scuse dell'autore.
clicca qui per un post a sorpresa!

2 commenti:

Vincenzo ha detto...

Grande disco......revenge

isabella ha detto...

fantastico!